28feb 2018
ALTA BRIANZA DA SCOPRIRE, IL RED’S HOTEL È LA BASE IDEALE
Articolo di: Clara Mennella

Il nome richiama subito il colore più caldo e passionale dello spettro, declinato in lingua inglese e in effetti il “tocco di rosso” negli ambienti di questo curatissimo quattro stelle c’è. Ricorre negli arredi, scalda qua e là le pareti, occhieggia da lampade e complementi, smorzato e armonizzato da colori più cool che rendono tutto il complesso di una moderna, personale ed elegante accoglienza. Mi strapperà un sorriso invece, scoprire che in realtà il Red’s Hotel si chiama così per identificare la proprietà della famiglia Redaelli, dedita all’accoglienza da ben cinque generazioni, fino agli attuali proprietari Teo e Gianluca insieme alle cugine Francesca, Valeria e Giulia, una bella squadra unita di giovani abbondantemente sotto gli anta che hanno ereditato dal papà, dal nonno e dal bisnonno la passione e la capacità di accogliere gli ospiti con professionalità e calore.

 

La storia imprenditoriale di famiglia racconta un percorso che è iniziato alla fine dell’800 con una locanda con stallo, passata ad albergo-ristorante ad una stella, divenuta poi struttura tre stelle ancora di gestione e proprietà familiare, fino all’apertura dieci anni fa del bellissimo hotel con 34 camere che domina il paese in posizione leggermente decentrata in cima alla collina.

 

Dopo un primo periodo dove l’accoglienza è stata concentrata sulla clientela business, vista la presenza capillare in tutto il territorio brianzolo di piccole e grandi imprese, il Red’s è diventato negli ultimi anni anche l’albergo dei vacanzieri e degli abitanti della zona, grazie all’inaugurazione della piscina all’aperto, frequentabile da un numero limitato di “esterni”, all’ampliamento del giardino a alla partenza del ristorante Zafferano Bistrot, affidato ad Alain Corbetta (foto 3 a destra).

 

La “squadra Redaelli” è composta interamente da “attaccanti”, sempre presenti e ognuno con le proprie competenze specifiche, dall’accoglienza, al servizio, alla sommellerie, all’organizzazione di convegni ed eventi, con spazi meeting modulabili capaci di accogliere alcune centinaia di persone.

 

Cosa fare a Barzanò e dintorni? Intanto scoprire l’Alta Brianza, un territorio collinare e verde, con prati, boschi, torrenti e piccoli laghi dove si possono praticare diversi sport, dal nordic-walking alle passeggiate rilassanti, al parapendio, all’equitazione e al canottaggio, si possono visitare ville e luoghi storici oppure rilassarsi alla vicina Monticello Spa con la quale è attiva una convenzione. Poi, per chi arrivasse dalla Svizzera, dall’estero o da altre regioni d’Italia, l’Alta Brianza è una tranquilla e comoda base per visitare Milano, che dista poco più di mezz’ora, Monza e la Villa Reale, Lecco e il Lago di Como.

 

Degna di nota è poi la cucina di Alain Corbetta, cuoco brianzolo che ha arricchito il suo curriculum con importanti esperienze all’estero e che è un vero fan della cucina stagionale. Allo Zafferano Bistrot prepara piatti leggeri, colorati e dal tocco molto personale, curando in prima persona la scelta delle migliori materie prime.




Zafferano Bistrot (il ristorante dell'hotel)

1

2

3

4

Photo Credits

Photo 1 : Clara Mennella
Photo 2 : Clara Mennella
Photo 3 : Clara Mennella
Photo 4 : Clara Mennella
Indirizzo : Via Don Rinaldo Beretta, 24 Barzanò
Telefono : 0399272120
Articoli Simili
I più letti del mese
LA RAI E IL 25 APRILE. I PROGRAMMI DELLA GIORNATA
In occasione del 72° anniversario della liberazione la Rai dedica numerosi servizi all’evento.   Rai 1 Alle ore 9 il collegamento con l’Altare della Patria a Roma dove il Presidente della Repubblica Sergio Mattarella ... Leggi di più
PRIMA COLAZIONE: UN’OCCASIONE PER CONOSCERE IL TERRITORIO
Presentato all’Aeroporto di Milano Bergamo il primo progetto italiano ideato da East Lombardy dedicato alla valorizzazione della prima colazione come elemento di promozione turistica. L’Aeroporto di Milano Be... Leggi di più
S.PELLEGRINO YOUNG CHEF 2018 I PIATTI DEI FINALISTI ITALIANI
Secondi piatti in cui predomina la carne, ma soprattutto ingredienti e sapori dei territori di origine reinterpretati in chiave moderna Sono in corso in tutto il mondo le semifinali locali del S.Pellegrino Young Chef 20... Leggi di più
CHICCHE DAL VINITALY. ALCUNE REFERENZE CHE CI SONO PARTICOLARMENTE PIACIUTE
ALCUNE REFERENZE CHE CI SONO PARTICOLARMENTE PIACIUTE Hofstatter Gewurztraminer Pirchschrait 2006 Dieci anni sui lieviti in botti di acciaio con rimescolamento (tipo batonage) ogni 10 giorni. Le caratteristiche più nob... Leggi di più
MARTEDÌ 31 E MERCOLEDÌ 1 FEBBRAIO DA SADLER CASSOEULA & CHAMPAGNE
Martedì 31 gennaio e Mercoledì 1 febbraio due serate speciali a base di cassoeula & champagne. Torna l’appuntamento con le serate a tema di Chic’n Quick, la trattoria moderna dello chef Claudio Sadler. Martedì 31 gennai... Leggi di più
La zucca nella pasta
I FIGLI DELLA VESPAIOLA DI CA’ BIASI
Ca’ Biasi è un’Azienda Agricola fondata nel 1994. Proprietario della cantina nonché enologo Innocente Dalla Valle la cui famiglia arrivò a Breganze nell’Ottocento come mezzadra. Oggi i Dalla Valle posseggono una dozzina ... Leggi di più
MU DIMSUM L’ALTA CUCINA CINESE A PREZZI CONTENUTI
La ristorazione cinese a Milano negli ultimi anni ha conosciuto profondi cambiamenti. Le numerose trattorie a conduzione familiare che proponevano una cucina approssimativa e spesso pesante sono andate via via sparendo i... Leggi di più
TAGLIOLINI AL BURRO E CAVIALE AL PROFUMO DI AGLIO ORSINO
NANNI BALESTRINI: VOGLIAMO TUTTO OPERE ANNI ‘70 E ‘80
Nanni Balestrini: vogliamo tutto opere anni ‘70 e ‘80- Mostra a cura di Manuela Gandini Come una frenata sull’orlo dell’abisso – con cascate di parole, immagini e pensieri – si inchioda la produzione visiva di Nanni Ba... Leggi di più

 

 

banner-brera-ver3

COSMOFOOD BANNER 300x250

 

 

berlucchi-new

 

 

We use cookies to improve our website and your experience when using it. Cookies used for the essential operation of this site have already been set.