07lug 2018
BEDUSSI: GELATERIA, PASTICCERIA, PIZZERIA... E ANCHE RISTORANTE GOURMET
Articolo di: Fabiano Guatteri

La gelateria pasticceria della famiglia Bedussi  si sviluppa al piano terra e nel seminterrato di una palazzina dotata di un dehors con pergolato (foto 2) che confina con parco Parco Marconi così da sentirne il respiro. Nata nel 1992 la gelateria si è in seguito trasferita all’attuale indirizzo. Dal 2005 è anche pasticceria. La gestione vede ogni componente della famiglia svolgere un compito preciso.

 

I gelati sono prerogativa di Patrizia, la spesa è compito del marito Ermanno che si occupa anche dell’amministrazione; Paolo, il figlio minore, segue la sala mentre Francesco (foto 3 ) gestisce pasticceria e cucina. Sì, perché Benussi ha anche una cucina, e sorprendente, ma non a caso. Francesco, trentunenne molto “carico”, si è formato all’Università di Scienze Gastronomiche di Pollenzo, e ha completato la sua formazione professionale da Davide Scabin di Combal Zero di Rivoli , dal pasticciere Rolando Morandin dove ha imparato tutto sui lievitati, dai panificatori Ezio Marinato e Giuliano Pediconi, dal pasticcere Gianluca Fusto e infine da Enrico Crippa di Piazza Duomo ad Alba. Una formazione completa che nell’azienda di famiglia ha potuto esprimere al meglio.

 

Ma partiamo dai gelati, il regno di Patrizia (foto 4). Tutto ciò che è proposto è genuino e naturale. Il gelato alla crema è prodotto con uova, panna e zucchero, niente burro. I sorbetti alla frutta, ossia a base di acqua, senza latte, contengono il 90 per cento di frutta; questa è fresca e di stagione per cui non surgelata o conservata. Le lavorazioni sono casalinghe e pertanto le paste di frutta secca sono preparate con le nocciole dal Piemonte e i pistacchi da Bronte. Dove è richiesto il latte, questo è crudo di un’azienda agricola della Bassa Bresciana. Inoltre in gelateria non si fa uso di alcun tipo di grasso idrogenato, mentre sono utilizzate le fibre che oltre ad aggiungere una maggiore duttilità al gelato, giovano all’organismo. I gelati, infine, sono senza glutine... ma al di là delle parole vanno assaggiati (foto 5)... e riteniamo sia un’esperienza tra le più piacevoli.

 

Per quanto riguarda la pasticceria basterà dire che qui si può scegliere in un repertorio di una ventina di brioche differenti per colazione, una fornita selezione di biscotti, per non dire dei lievitati delle festività: i panettoni lievitano per 36 ore.

 

Dalla mattina per la colazione alla sera per l’aperitivo, ci si può deliziare a qualsiasi ora, anche con il brunch domenicale e con i pranzi di tutti i giorni e le pizze.

 

Ciò che ci ha colpito è la cucina, aperta solo a pranzo, eseguita con grande saggezza e conoscenza dove i sapori lasciano intendere la qualità della materia prime. Ci saremmo aspettati, non sapendo ancora di Francesco, una tavola calda, invece abbiamo trovato un ristorante di elevato livello. Il polpo alla piastra con pomodorini e melanzana sott’aceto -è riduttivo chiamarla così- (foto 6 ) lascia strabiliati per la felicità d’esecuzione. E’ raro trovare un polpo in cui tenerezza e croccantezza si sposano a meraviglia; la melanzana si fonde in bocca come burro e i pomodorini esaltano la propria dolcezza naturale.

 

Non da meno i tagliolini al gazpacho (foto 7 ) in versione morbida: la pasta è ovviamente homemade, ed è un piatto che ha il sapore dell’estate, fresco, profumato.

 

Francesco ha una grande esperienza nei lievitati non solo dolci ma anche salati, ed è il caso delle pizze. Qui sono proposte con tre impasti diversi: croccante e profumato per le pizze gourmet; morbido e leggero; integrale, mentre le guarnizioni sono una quindicina tutte stagionali Abbiamo provato una pizza gourmet che unisce alla tecnica pizzaiola elementi propri della ristorazione. La pizza al tonno con pomodoro e radicchio (foto 8 ) oltre a convincere per la consistenza della pasta, è un esempio di come gli ingredienti siano abbinati per costruire equilibri: la dolcezza del pomodoro, la nota amarognola del radicchio, la sapidità del tonno cotto a regola d’arte...

 

In cantina etichette importanti. Al nostro tavolo: Costadilà Bianco Ederlezi (foto 9), un ancestrale biologico quasi opalescente, con note di mela, pesca gialla, agrumi, beverino e di grande piacevolezza; Chateneuf du Pape Château Maucoil (foto 10) frutta nera e note speziate intenso ed elegante.

 

Tutto ciò spiega perché Bedussi sia nella Guida I Ristoranti d’Italia de L’Espresso, e perché nel 2015 il Gambero Rosso l’abbia premiato come miglior Bar d’Italia.

 

E aprire il ristorante anche la sera? I Bedussi sono molto pragmatici: non è poco lavorare dalle 7:30 alle 24; ampliare l’orario del ristorante sarebbe sicuramente un business, ma la qualità? A quella non sono disposti a rinunciare, ma per garantirla devono avere il controllo totale di ogni passaggio produttivo. Per cui per ora di cene non se ne parla.

1

2

3

4

5

6

7

8

9

10

Indirizzo : via Crocifissa di Rosa, 113 Brescia
Telefono : 030.393079
Articoli Simili
I più letti del mese
LA RAI E IL 25 APRILE. I PROGRAMMI DELLA GIORNATA
In occasione del 72° anniversario della liberazione la Rai dedica numerosi servizi all’evento.   Rai 1 Alle ore 9 il collegamento con l’Altare della Patria a Roma dove il Presidente della Repubblica Sergio Mattarella ... Leggi di più
PUTIA, LA BOTTEGA CHE PRENDE IL SUD A MORSI
SlowSud di cui abbiamo qui, e qui apre Putìa e celebra il “panino di giù”. Dopo appena tre anni dal primo ristorante, i giovani imprenditori che con SlowSud Duomo e SlowSud Brera hanno portato a Milano tutt... Leggi di più
PRIMA COLAZIONE: UN’OCCASIONE PER CONOSCERE IL TERRITORIO
Presentato all’Aeroporto di Milano Bergamo il primo progetto italiano ideato da East Lombardy dedicato alla valorizzazione della prima colazione come elemento di promozione turistica. L’Aeroporto di Milano Be... Leggi di più
CHICCHE DAL VINITALY. ALCUNE REFERENZE CHE CI SONO PARTICOLARMENTE PIACIUTE
ALCUNE REFERENZE CHE CI SONO PARTICOLARMENTE PIACIUTE Hofstatter Gewurztraminer Pirchschrait 2006 Dieci anni sui lieviti in botti di acciaio con rimescolamento (tipo batonage) ogni 10 giorni. Le caratteristiche più nob... Leggi di più
S.PELLEGRINO YOUNG CHEF 2018 I PIATTI DEI FINALISTI ITALIANI
Secondi piatti in cui predomina la carne, ma soprattutto ingredienti e sapori dei territori di origine reinterpretati in chiave moderna Sono in corso in tutto il mondo le semifinali locali del S.Pellegrino Young Chef 20... Leggi di più
I FIGLI DELLA VESPAIOLA DI CA’ BIASI
Ca’ Biasi è un’Azienda Agricola fondata nel 1994. Proprietario della cantina nonché enologo Innocente Dalla Valle la cui famiglia arrivò a Breganze nell’Ottocento come mezzadra. Oggi i Dalla Valle posseggono una dozzina ... Leggi di più
La zucca nella pasta
MARTEDÌ 31 E MERCOLEDÌ 1 FEBBRAIO DA SADLER CASSOEULA & CHAMPAGNE
Martedì 31 gennaio e Mercoledì 1 febbraio due serate speciali a base di cassoeula & champagne. Torna l’appuntamento con le serate a tema di Chic’n Quick, la trattoria moderna dello chef Claudio Sadler. Martedì 31 gennai... Leggi di più
TAGLIOLINI AL BURRO E CAVIALE AL PROFUMO DI AGLIO ORSINO
MU DIMSUM L’ALTA CUCINA CINESE A PREZZI CONTENUTI
La ristorazione cinese a Milano negli ultimi anni ha conosciuto profondi cambiamenti. Le numerose trattorie a conduzione familiare che proponevano una cucina approssimativa e spesso pesante sono andate via via sparendo i... Leggi di più

 

 

banner-brera-ver3

COSMOFOOD BANNER 300x250

 

 

berlucchi-new

 

 

We use cookies to improve our website and your experience when using it. Cookies used for the essential operation of this site have already been set.