15gen 2017
IL DILAGANTE ITALIANESE È LINGUA-LINGUAGGIO COSMOPOLITA O PROVINCIALE?
Articolo di: Fabiano Guatteri

Gli italiani che vivono nei paesi anglofoni (e più in generale all’estero) lo sanno; con il tempo la loro lingua si corrompe arricchendosi di termini stranieri così da non essere più propriamente italiana, bensì italianese, ossia , come recita il dizionario Treccani, quell’italiano ibrido derivato dalla commistione di elementi lessicali penetrati nell’italiano dall’inglese. Non si tratta di una scelta, ma di un “cedimento” della propria madre lingua quasi fisiologico, che non suscita certo stupore. Stupisce invece quando l’italianese è parlato da italiani nel Bel Paese.

Sicuramente nell’ambito informatico è una necessità utilizzare vocaboli inglesi, perché questi fanno parte di un linguaggio e non c’è ostentazione nell’impiegarli. Ma si tratta di un’eccezione. Va detto che l’impiego sistematico di termini inglesi è un fenomeno unicamente italiano. La ricerca del termine straniero, di un paese che a ragione o a torto si ritiene più qualificato del proprio, è tipica di una cultura permeata da sensi di inferiorità.

Capita talvolta di sentire, a conferenze tenute da relatori di lingua inglese con interprete, qualcuno del pubblico intervenire in inglese: ciò accade per una forma di ospitalità o di piaggeria? Non succede in Francia perché i francesi sono inospitali, o perché non hanno sviluppato sindromi di sudditanza?

E’ che il termine inglese come per incanto sa far luccicare ciò che è opaco: servirsi di cibi con le mani è inadeguato, ma se gli stessi cibi li chiamiamo finger food, è brillante farlo; mangiare per strada non è principesco, ma se si tratta di street food allora è molto snob, e poi l’autoscatto, che era proprio di chi non aveva nessuno che lo fotografasse, diventato selfie si fa circolare rivendicandolo. Quando mai e poi mai si era sentita l’esigenza di citare il profilo o il panorama milanese prima di chiamarlo skyline? Come è stato definito il nuovo presidente statunitense dalla stampa? Forse magnate? No, tycoon. E se lo spritz (termine non inglese, ma neppure italiano) si chiamasse bianco spruzzato, quasi certamente non avrebbe uguale successo. E’ come se utilizzando un significante straniero, il significato stesso della parola cambiasse.

L’esempio istituzionale non conforta considerato che welfare, jobs act, election day sono entrati nel linguaggio corrente.

Come dire, ci sono giovani che per apparire “fighi” si costruiscono un’immagine, pardon un look basato su taglio di capelli, postura, abbigliamento, gestualità, denunciando inconsapevolmente uno stato sociale (estrazione sociale, scolarizzazione, tipo di lavoro…) modesto. Analogamente ci sono italiani in patria che per apparire cosmopoliti ostentano l’italianese, rivelando il proprio provincialismo. Ah, les italiens.

 

1

Articoli Simili
I più letti del mese
Fiori di zucca spadellati
19 SETTEMBRE, OPEN DAY ALLA SCUOLA DEL PANINO ITALIANO
19 settembre, open day alla Scuola del Panino Italiano un nuovo punto di vista per gli appassionati di cibo e cucina. Per gli amanti della cucina italiana, per i cuochi amatoriali e persone in cerca di soluzioni e idee p... Leggi di più
L’APERITIVO TRUSSARDI CHE VERRÀ SERVITO AL CAFÉ TRUSSARDI
Dopo 18 mesi di ricerche nasce  l’Aperitivo Trussardi che al Café Trussardi alla Scala sarà servito in purezza per la preparazione di bevande miscelate. E’ un liquore infuso base vino alcl e spezia dal gusto aromatico, p... Leggi di più
CALVISIUS CAVIAR PRESENTA LA NUOVA CALVISIUS COLLECTION 2016
Calvisius  è un marchio registrato di Agro Ittica Lombarda, azienda che produce e distribuisce caviale, oltre ad altre specialità ittiche. Il Calvisius, ha presentato a Identità Expo San Pellegrino la nuovissima “Calvisi... Leggi di più
Spaghetti al peperone con ricci e scampi
LA PERA , FRUTTO RICCO DI PECTINE CHE RIDUCONO GLICEMIA E COLESTEROLO
La pera è un frutto antichissimo: ai tempi dell’Antica Roma se ne contavano oltre 40 specie, oggi più di un migliaio, da suddividere principalmente tra pere estive e pere invernali. Tra le estive da ricordare la Wi... Leggi di più
I VINI SAN MARZANO AL LOFT DI MA' HIDDEN KITCHEN
Una cena cucinata da Salvatore Carlucci, Chef de La Barca di Marina di Pulsano,  in abbinamento ai vini San Marzano al  loft di Ma' Hidden Kitchen  introdotta dalla cordiale ospitalità  di Lele e servita dalla deliziosa ... Leggi di più
LO STILE POLJE, AZIENDA FRIULANA DEL GRUPPO SUTTO WINE
La nascita della cantina Polje risale al 1923 a Novali Cormons, nel Collio Goriziano. Si tratta di un podere ben esposto con la conformazione tipica del territorio carsico che dà il nome alla cantina: Polje è infatti una... Leggi di più
LA PERA |DIURETICA E RICCA DI FIBRE
La pera è un frutto antichissimo: ai tempi dell’antica Roma se ne contavano oltre 40 specie, oggi più di un migliaio, da suddividere principalmente tra pere estive e pere invernali. Tra le estive da ricordare la William,... Leggi di più
DOMANI 4 APRILE APERITIVO AD ART&BIKE | LIVE DUO LO-FI MAKY TITO
Da domani, ogni mercoledì dalle 18:30, l’appuntamento fisso è presso Art&Bike  di Lambrate, nuovo luogo di incontro nell'ambito del Lambrate Design District. Si trova  nello Spazio Industriale di via dei Canzi 14, ... Leggi di più

 

 

banner-brera-ver3

COSMOFOOD BANNER 300x250

 

 

berlucchi-new

 

 

We use cookies to improve our website and your experience when using it. Cookies used for the essential operation of this site have already been set.