07dic 2017
LA PIZZA NAPOLETANA PROCLAMATA PATRIMONIO UNESCO!
Articolo di: CityLightsNews

Il Maestro Coccia: “La pizza napoletana rappresenta un vero capolavoro del genio creativo dei pizzaioli napoletani e questo prestigioso riconoscimento”. L’ultimo step per il riconoscimento della pizza napoletana come patrimonio Unesco è stato in Corea, a Seul, dove un comitato riunito proprio in questi giorni ha decretato l’iscrizione o meno del celebre prodotto nel patrimonio dei beni immateriali, proclamando così "L'arte dei pizzaiuoli napoletani" patrimonio dell'umanità. Come punto di riferimento per la cultura della vera pizza napoletana artigianale, il Maestro Enzo Coccia ha sempre lavorato per comunicare nel mondo l’importanza della tradizione gastronomica partenopea di cui i pizzaioli napoletani sono i veri eredi. A conferma di quanto il mestiere di pizzaiolo sia un’arte propria della tradizione napoletana, è stata promossa la candidatura Unesco dell’“Arte dei Pizzaiuoli Napoletani”: questo riconoscimento   internazionale ha l’obiettivo di tutelare quest’attività di fronte al moltiplicarsi di atti di pirateria alimentare e di appropriazione indebita dell'identità e allo stesso tempo di consacrare la pizza napoletana come la massima espressione dell’italianità. “Dal 1800 noi pizzaiuoli prepariamo ogni giorno la pizza con passione e dedizione, per conquistare il cuore di chiunque la assaggi e per lasciare il ricordo della vera pizza napoletana artigianale. La pizza possiede quindi uneccezionale valore universale perché rappresenta un vero capolavoro del genio creativo umano – e più in particolare dei pizzaiuoli napoletani – e una testimonianza unica sulla tradizione culturale partenopea. Per questo è oggi uno dei simboli e delle massime espressioni di italianità e uno dei piatti più conosciuti e amati in tutto il mondo. Questo riconoscimento – che l’arte della pizza napoletana merita a tutti gli effetti (manualità e gergo) – ha anche evitato il rischio scippo da parte degli americani che avevano annunciato la volontà di candidare la pizza american-style. Perciò…” La Commissione nazionale italiana per l’Unesco, su proposta del ministero dell’Agricoltura e con il sostegno del ministero degli Esteri, dell’Università, dell’Ambiente e dell’Economia, ha deciso che “L’arte dei pizzaiuoli napoletani” sarebbe stata l’unica candidatura italiana nella lista del Patrimonio Mondiale dell’umanità Unesco perché “rappresenta l’Italia in tutto il mondo”.
IL PROFILO DEL MAESTRO COCCIA
Erede di una tradizione familiare nel mondo della ristorazione e della pizzeria, Coccia ha iniziato il proprio percorso di formazione fin da piccolo per trovare la sua dimensione nel mondo della pizza e tracciare chiaramente le linee che lo avrebbero guidato nella sua attività personale e professionale. Filo indissolubile tra Enzo Coccia e il suo “monoprodotto” pizza napoletana è la passione per il lavoro di pizzaiolo, oltre naturalmente al ricorso esclusivo a prodotti di eccezionale qualità e alla conoscenza profonda della tecnica, della tradizione e del territorio. Solo lo studio del territorio campano e delle sue materie prime, la conoscenza diretta dei migliori produttori della regione e la selezione dei prodotti più adatti da abbinare all’impasto della pizza permettono, infatti, di rendere il monoprodotto pizza napoletana una vera opera d’arte: questi sono gli ingredienti del grande successo di Enzo Coccia in Italia e nel mondo. 

1

Articoli Simili
I più letti del mese
CHICCHE DAL VINITALY. ALCUNE REFERENZE CHE CI SONO PARTICOLARMENTE PIACIUTE
ALCUNE REFERENZE CHE CI SONO PARTICOLARMENTE PIACIUTE Hofstatter Gewurztraminer Pirchschrait 2006 Dieci anni sui lieviti in botti di acciaio con rimescolamento (tipo batonage) ogni 10 giorni. Le caratteristiche più nob... Leggi di più
I FIGLI DELLA VESPAIOLA DI CA’ BIASI
Ca’ Biasi è un’Azienda Agricola fondata nel 1994. Proprietario della cantina nonché enologo Innocente Dalla Valle la cui famiglia arrivò a Breganze nell’Ottocento come mezzadra. Oggi i Dalla Valle posseggono una dozzina ... Leggi di più
NANNI BALESTRINI: VOGLIAMO TUTTO OPERE ANNI ‘70 E ‘80
Nanni Balestrini: vogliamo tutto opere anni ‘70 e ‘80- Mostra a cura di Manuela Gandini Come una frenata sull’orlo dell’abisso – con cascate di parole, immagini e pensieri – si inchioda la produzione visiva di Nanni Ba... Leggi di più
La zucca nella pasta
GERUNDIUM FEST: BIRRE, CIBO D'OGNI TIPO, MUSICA DAL VIVO
Gerundium Fest, 17/8 - 16/09,  Casirate D'Adda (BG): birre, cibo d'ogni tipo (tirolese, pizza, paninoteca…), musica dal vivo, area bimbi. 130.000 presenze nel 2016 Gerundium Festdal 17 agosto al 16 settembre 2017... Leggi di più
ATTENZIONE ALLE ETICHETTE FURBETTE | LEGGIAMO SEMPRE LE ETICHETTE
Le etichette alimentari permettono al consumatore di avere elementi di conoscenza dei prodotti posti in commercio. Le etichette sono regolamentate da apposite leggi; oltre alle informazioni obbligatorie si possono person... Leggi di più
TAGLIOLINI AL BURRO E CAVIALE AL PROFUMO DI AGLIO ORSINO
SUMMER COCKTAIL 2017: CHICAGO MEETS CHINA
Provate a unire il distillato più popolare del momento, il Gin, con il fascino dell’oriente e avrete un cocktail fresco e a tratti sofisticato, da sorseggiare durante le lunghe serate estive. La proposta di Koval D... Leggi di più
CUCINA IN, CONTENITORE SOCIAL... PER GRANDI E PICCINI
Abbiamo partecipato a un incontro a Cucina In.  Lo chef Gualtiero Villa, ha saputo coinvolgere i presenti nelle preparazione di piatti e assaggi d’effetto che si possono realizzare con poca spesa, ma soprattutto fa... Leggi di più
IL TARTUFO È L'OSPITE D'ONORE DELLA NUOVA CARTA AUTUNNALE DI PIER 52
Di Pier 52 abbiamo avuto modo di scrivere più volte... e, come ogni anno, per tutto il periodo di raccolta del tartufo la carta ospita il pregiato Bianco d’Alba in numerose preparazioni. Ristorante noto per la cuci... Leggi di più

 

 

banner-brera-ver3

COSMOFOOD BANNER 300x250

 

 

berlucchi-new

 

 

We use cookies to improve our website and your experience when using it. Cookies used for the essential operation of this site have already been set.