13dic 2016
NANNI BALESTRINI: VOGLIAMO TUTTO OPERE ANNI ‘70 E ‘80
Articolo di: CityLightsNews

Nanni Balestrini: vogliamo tutto opere anni ‘70 e ‘80- Mostra a cura di Manuela Gandini

Come una frenata sull’orlo dell’abisso – con cascate di parole, immagini e pensieri

– si inchioda la produzione visiva di Nanni Balestrini degli anni Settanta e Ottanta

del secolo scorso.

Circa duecento opere inedite, di dimensioni variabili – (dai collage A3 alla grande

tela di 700x500 cm) – ricostruiscono, alla Fondazione Mudima, l’atmosfera sociale

e politica degli anni di piombo e di quelli reaganiani. Dal cupo susseguirsi di parole

pesanti, piene di petrolio e inquietudine, ai più colorati e apparentemente leggeri

collage e gouache degli anni Ottanta. Il primo è il decennio dei movimenti

antagonisti, del femminismo, della psichelia, del terrorismo e degli scontri. Con il

1979 si inaugura la pesante ondata di repressione per la quale Balestrini e altri

intellettuali si trasferiscono in Francia. Il contesto giornalistico di allora - attraverso

lo sconvolgimento balestriniano della linearità narrativa - disvela la minaccia della

fine dei sogni. L’immaginazione al potere si frantuma sotto il peso di parole sospese

come maledizioni, come mantra pronunciati al contrario.

Il lavoro di Balestrini - una lenta preparazione al film più lungo del mondo:

Tristanoil, (2010) - è senza mediazioni e senza giudizio. Se da un lato, i sacchetti

di plastica spiegazzati e ricomposti dall’artista incarnano una fugace idea di progresso,

i titoli dei quotidiani la disintegrano immediatamente perché i fatti vanno

per conto proprio. La visione di Vogliamo Tutto - titolo espropriato al libro cult di

Balestrini (1971) che ispirò intere generazioni con la storia dell’operaio Alfonso –

è la sintesi delle illusioni umane e dell’incontrastato potere della rappresentazione

mediatica. Le frasi e le lettere sminuzzate sono apocalittiche e leggere a un tempo.

Con una buona dose di veggenza, questi lavori anticipano l’avvento della virtualità

e delle sue insidie. Il manifestarsi di quel tecno-mondo antropofago fatto di video

e parole che si mangiano il reale. I collage neri o a colori, con foto di cronaca, pubblicità,

paesaggi o con opere di storia dell’arte, contengono tutti un enigma.

Riportano ai rebus duchampiani, ai proclami futuristi, alla nevrosi immaginifica

di Nam June Paik. I personaggi degli anni Settanta - da Elvis Presley a Enrico

Berlinguer, da Marlon Brando a Leonid Ill’c Breznev - campeggiano sull’enorme

parete del primo piano, come decori di un grande arazzo euroasiatico. Sono i semi

dell’eredità contemporanea. Le parole fatte a pezzi sono invece echi di emozioni

umane. Di un mondo che evolvendo involve ma - pronunciando con flebile voce

vogliamo tutto - non si rassegna.

 

Inaugurazione:

Giovedì 15 dicembre 2016

ore 18.00

Contemporaneamente alla mostra viene presentato il secondo volume delle poesie

complete di Nanni Balestrini dal titolo Le avventure complete della signorina

Richmond (Edizioni DeriveApprodi) dedicato agli anni ‘70 e ‘80.

 

Vogliamo tutto

16 dicembre – 31 gennaio 2017

Fondazione Mudima

Via Tadino 26, Milano

Orario: dal lunedì al venerdì

ore 11-13, 15-19

Ingresso libero

 

 

1

Indirizzo : Via Tadino 26 Milano
Articoli Simili
I più letti del mese
LA RAI E IL 25 APRILE. I PROGRAMMI DELLA GIORNATA
In occasione del 72° anniversario della liberazione la Rai dedica numerosi servizi all’evento.   Rai 1 Alle ore 9 il collegamento con l’Altare della Patria a Roma dove il Presidente della Repubblica Sergio Mattarella ... Leggi di più
PRIMA COLAZIONE: UN’OCCASIONE PER CONOSCERE IL TERRITORIO
Presentato all’Aeroporto di Milano Bergamo il primo progetto italiano ideato da East Lombardy dedicato alla valorizzazione della prima colazione come elemento di promozione turistica. L’Aeroporto di Milano Be... Leggi di più
MARTEDÌ 31 E MERCOLEDÌ 1 FEBBRAIO DA SADLER CASSOEULA & CHAMPAGNE
Martedì 31 gennaio e Mercoledì 1 febbraio due serate speciali a base di cassoeula & champagne. Torna l’appuntamento con le serate a tema di Chic’n Quick, la trattoria moderna dello chef Claudio Sadler. Martedì 31 gennai... Leggi di più
S.PELLEGRINO YOUNG CHEF 2018 I PIATTI DEI FINALISTI ITALIANI
Secondi piatti in cui predomina la carne, ma soprattutto ingredienti e sapori dei territori di origine reinterpretati in chiave moderna Sono in corso in tutto il mondo le semifinali locali del S.Pellegrino Young Chef 20... Leggi di più
CHICCHE DAL VINITALY. ALCUNE REFERENZE CHE CI SONO PARTICOLARMENTE PIACIUTE
ALCUNE REFERENZE CHE CI SONO PARTICOLARMENTE PIACIUTE Hofstatter Gewurztraminer Pirchschrait 2006 Dieci anni sui lieviti in botti di acciaio con rimescolamento (tipo batonage) ogni 10 giorni. Le caratteristiche più nob... Leggi di più
La zucca nella pasta
I FIGLI DELLA VESPAIOLA DI CA’ BIASI
Ca’ Biasi è un’Azienda Agricola fondata nel 1994. Proprietario della cantina nonché enologo Innocente Dalla Valle la cui famiglia arrivò a Breganze nell’Ottocento come mezzadra. Oggi i Dalla Valle posseggono una dozzina ... Leggi di più
MU DIMSUM L’ALTA CUCINA CINESE A PREZZI CONTENUTI
La ristorazione cinese a Milano negli ultimi anni ha conosciuto profondi cambiamenti. Le numerose trattorie a conduzione familiare che proponevano una cucina approssimativa e spesso pesante sono andate via via sparendo i... Leggi di più
TAGLIOLINI AL BURRO E CAVIALE AL PROFUMO DI AGLIO ORSINO
NANNI BALESTRINI: VOGLIAMO TUTTO OPERE ANNI ‘70 E ‘80
Nanni Balestrini: vogliamo tutto opere anni ‘70 e ‘80- Mostra a cura di Manuela Gandini Come una frenata sull’orlo dell’abisso – con cascate di parole, immagini e pensieri – si inchioda la produzione visiva di Nanni Ba... Leggi di più

 

 

banner-brera-ver3

COSMOFOOD BANNER 300x250

 

 

berlucchi-new

 

 

We use cookies to improve our website and your experience when using it. Cookies used for the essential operation of this site have already been set.