Skip to main content

Il 61° Salone Nautico è alle porte, ed è lo specchio di un mercato per il quale i dati di previsione dell’anno in corso, recentemente diffusi dall’Ufficio Studi di Confindustria Nautica, confermano un trend di crescita molto sostenuto. Tutto esaurito in termini di adesione da parte degli espositori nazionali e internazionali a conferma dell’autorevolezza e della credibilità acquisite con il successo dell’organizzazione della 60ª edizione lo scorso anno.

 

Il layout del 61° Salone Nautico ripropone quest’anno il collaudato format multi-specialistico con rinnovati servizi dedicati per i cinque segmenti di mercato che lo rappresentano: Yatch e Superyatch, Sailing World, Boating Discovery, Tech Trade e Living the Sea. Si svilupperà su una superficie di oltre 200.000 mq, con l’85% delle aree completamente all’aperto, ospitando oltre 1.000 imbarcazioni. Anche la superficie disponibile in acqua aumento del 19% aumenta con il completamento di una nuova darsena ormeggi per le imbarcazioni fino a 15 metri, insieme all’utilizzo di nuovi pontili nelle altre darsene.

 

ESPOSITORI:

Sfiorano il numero di 1.000 anche i brand presenti: tutti presenti i top player per le varie fasce di settore. Attivi ad oggi nomi di primo piano della nautica mondiale sia per le imbarcazioni a motore, sia per la vela. Nel settore Yachts & Superyachts: Sanlorenzo, Azimut Benetti, Gruppo Fipa, Amer Yachts, Bluegame, Pardo Yachts, Rio Yachts e Sessa Marine. Conferme anche dall’estero con Princess e Sunseeker mentre tornano a Genova quest’anno Baglietto, Ferretti Group, Cranchi Yachts, Absolute, Arcadia Yachts e Sirena Marine. Anche nel Sailing World si confermano Cantiere del Pardo, Solaris Yachts, Nautor’s Swan, Mylius Yachts, Vismara Marine e Italia Yachts. Dall’estero sono in passerella i cantieri francesi Beneteau, Jeanneau, Dufour, i tedeschi Bavaria Yachts e Hanse e i danesi di X-Yachts. Ancora in tema di “vela”, la banchina D è interamente dedicata ai multiscafi con le presenze di Fountaine Pajot, Bali, Dufour e C-Catamarans, un settore di sempre maggiore successo tra il pubblico anche per la formula charter.

 

Quest’anno uno spazio particolare è dedicato alle imbarcazioni tradizionali del Mediterraneo: i gozzi, che hanno in Liguria e in Campania i loro luoghi d’elezione. Saranno presenti le ultime realizzazioni di Giorgio Mussini, Apreamare, Sciallino, Cantiere Patrone Moreno, Gozzi Mimì e Nautica Esposito che tengono sempre viva la tradizione del legno e dei maestri d’ascia. Una nuova area nel Boating Discovery sarà quella dedicata alle imbarcazioni da pesca e dei fisherman con la presenza, tra gli altri, di 3B Craft, Axopar, Boston Whaler, Pursuit e Nuova Tuccoli. Anche le prove in mare, una delle peculiarità del Salone Nautico di Genova, saranno ancora più fruibili grazie al nuovo layout e si potranno svolgere nell’arco dell’intera giornata espositiva, su appuntamento.

 

EVENTI:

Tra gli eventi il Forum dei convegni istituzionali, in collaborazione con Confindustria Nautica, con seminari tecnici e conferenze sui temi del settore. Primo fra tutti : Boating Economic Forecast, con la presentazione della nuova edizione della Nautica in Cifre e una tavola rotonda sugli scenari per l’export dell’industria dello yachting e per l’incoming del turismo nautico. Anche quest’anno focus su innovazione e sostenibilità, con l’organizzazione di seminari sulle tecnologie innovative e un ciclo di workshop di aggiornamento tecnico.

 

In programma anche la seconda edizione del “Design Innovation Award”, il premio istituito nel 2020 da Confindustria Nautica e I Saloni Nautici, con l’obiettivo di sostenere l’eccellenza della nautica e valorizzare l’innovazione. La premiazione dei vincitori delle 9 categorie in concorso, votate da una giuria internazionale sarà composta da esperti di design, rappresentanti del mondo accademico e produttivo e giornalisti specializzati del settore.

 

Il Breitling Theatre nell’area Sailing ospiterà eventi, presentazioni e tavole rotonde con la presenza di ospiti e campioni della vela. Particolarmente attesi saranno gli atleti italiani che avranno partecipato alle Olimpiadi di Tokyo 2020 e il team Luna Rossa PRADA Pirelli, vincitore della Prada Cup presented by PRADA e finalista della 36ma edizione dell’America’s Cup disputata ad Auckland in Nuova Zelanda.

 

Il 16 settembre, giornata inaugurale del 61° Salone Nautico, prenderà il via la RoundItaly, la più lunga regata offshore non-stop del Mediterraneo: 1.130 le miglia da percorrere, che definiranno anche il record di percorrenza Genova-Trieste, unendo idealmente le due città.

 

Sabato 18 settembre sarà la giornata della Millevele, la veleggiata di Genova organizzata dallo Yacht Club Italiano e che riscontra sempre un maggiore successo di partecipazione e che rappresenta un appuntamento fisso tra gli eventi del Salone Nautico.

La 61ma edizione del Salone Nautico beneficerà dell’esperienza maturata nel 2020 con l’approvazione del protocollo sanitario da parte Comitato Tecnico Scientifico Nazionale, che ha consentito lo svolgimento in presenza e in sicurezza della 60ma edizione e che sarà integrato dalle recenti disposizioni di legge che prevedono il Green Pass per aver accesso agli eventi fieristici.

 

MANGIARE IN CITTÀ :

 

Pasticcerie:

 

Douce, Piazza Matteotti 84. Tecnica e materie prime di qualità sono il must di Douce, per la colazione ľ offerta é abbondante, ottimi i lievitati della tradizione francese: pain au chocolat, chausson aux pommes, pain aux raisins, immancabili anche i croissant farciti con buone confetture e crema pasticcera comme il faut.

 

Pietro Romanengo fu Stefano, Via Soziglia 74r. Una delle pasticcerie storiche della città, specializzata in confetteria e cioccolateria, famosa per suo Pan Dolce e la pasticceria tradizionale genovese: canestrelli e biscotti del Lagaccio.

 

La Konditorei, Via Piero Gobetti 14r. Un´enclave nordeuroea nel centro città, la pasticceria di Jörg Schikoreper propone infatti i dolci della tradizione tedesca: strüdel di mele, Linzer torte, Foresta Nera e Sacher, ottimi anche i lievitati e i kranz per la colazione.

 

Ristoranti:

 

The Cook, Vico Falamonica 9r. Nel centro storico di Genova in un sontuoso palazzo del 13OO con sale affrescate, lo chef Andrea Ricchebono ( 1 stella Michelin ) allieta gli ospiti con una squisita cucina del territorio, numerosi i percorsi degustativi in chiave contemporanea in cui spiccano: acciuga su tela, lattughine ripiene alla genovese, triglia e nespola.

 

Capo Santa Chiara, Via al Capo Santa Chiara 69, Boccadasse. Sopra la suggestiva spiaggetta di Boccadasse, Capo Santa Chiara propone una cucina creativa con materia prima freschissima.

 

Le cicale in città, Via Macaggi 53. Ambiente ricercato e molto intimo, piatti della tradizione ligure si alternano a pietanze a base di pesce e crostacei.

 

Bruxaboschi, Via Francesco Mignone, San Desiderio. Trattoria di cucina ligure dal 1862, con piatti del territorio ben eseguiti.

Di questo Autore