Skip to main content

Alberto Massucco, primo e unico italiano a produrre Champagne, ha presentato la sua collezione (foto 1) alla stampa all’Hotel Principe di Savoia

 

“Mi sono occupato dell’industria di famiglia” ci racconta “l’ho ampliata, ho fatto impresa come industria per decenni. Circa 7-8 anni fa mi sono ritagliato il tempo e ho cominciato ad occuparmi di Champagne”.

 

Già da giovanissimo aveva la passione per questo vino , in età adulta, non ha resistito al suo richiamo. “Ho intrapreso un’operazione di scouting, di ricerca per un paio d’anni, ho individuato quattro vigneron” i cui prodotti rispondevano alle sue aspettative ed è diventato importatore. Ma non pago “ho acquistato alcune vigne” continua Massucco “e da importatore sono diventato produttore. In collaborazione con Erick De Sousa, amico storico, vigneron tra i più bravi, che stimo da sempre e presso di lui produciamo il nostro Champagne. Siamo partiti con la vendemmia 2018 e usciamo ora”.

 

Pertanto ora oltre a essere importatore è anche produttore proprietario dell’Alberto Massucco Champagne

I vigneti dimorano soprattutto nella Côte des Blanc e ad Avise, terre vocate alla produzione dello chardonnay e pertanto è questo il vitigno protagonista, considerato inoltre che corrisponde pienamente al gusto personale di Massucco. Dunque gli Champagne prodotti sono tre Blanc de blancs e due nati dall’assemblaggio dei tre vitigni champenois.

 

 

Gli Champagne Massucco

 

 

Cuvée Mirede (foto 2)
Omaggio alla moglie Mirede. E’ prodotto unicamente con uve chardonnay vendemmia 2019, con fermentazione alcolica svolta per un terzo in barrique. La presa di spuma si protrae per 30 mesi; dosaggio zucchero 2 g/l. Prezzo HORECA 36 euro.

 

Al naso avveriamo note tostate, burrose e lievi sensazioni arancia candita e frutta tropicale.
In bocca è verticale, con ricordi agrumati e nuance minerali.

 

 

Mon Idée de Cramant (foto 3)
Nasce da uve chardonnay in purezza, è lasciato 3 anni sui lieviti per la presa di spuma, e viene rabboccato con dosaggio di 2 g di zucchero/litro. Si tratta di una produzione limitata di 500 bottiglie e rappresenta il top di gamma della Maison. Prezzo HORECA 70 euro.

 

E’ un vino fruttato con ricordi di mela, di pasta di nocciola, di agrume oltre che di fiori bianchi.
In bocca è morbido, fresco, vivace, avvolgente con note floreali e agrumate. Avvertiamo ricordi minerali che da sapidi diventano salini.

 

 

Millésime 2018 Alberto (foto 4)
Da sole uve chardonnay, vinificato in fût de fermentation; sosta 3 anni sui lieviti per la presa di spuma. Dosaggio 2 g di zucchero/litro. Prezzo HORECA 39 euro.

 

Profumo ampio, floreale. L’ingresso in bocca è netto, fresco, verticale, con note minerali sapide.

 

 

AMC 00 (foto 5)
Prodotto con uve chardonnay che rappresentano il 50% dell’uvaggio, quindi con pinot nero, per il 30 %, e con meunier. Il blend comprende il 40% di vini riserva elevati in botti di legno. Cinque anni di sosta sui lieviti per la spumantizzazione e dosaggio zero definiscono questo Champagne che rappresenta l’etichetta di ingresso della casa. Prezzo HORECA 25 euro.

 

Il profumo è ampio e comprende sentori floreali, note di melissa, speziatura morbida. In bocca è armonico, dotato di piacevole freschezza e mineralità.

 

AMC 02 (foto 6)
Vinificato come AMC, ossia con le stesse uve, lo stesso blend e le stesse modalità di presa di spuma differisce per il dosaggio di 2 g zucchero/ litro. Prezzo HORECA 25 euro.

 

L’ingresso in bocca è sottile, quindi si apre con note fruttate, accenni di piccoli frutti e agrumati. Apprezziamo la cremosità che aggiunge piacevolezza al sorso fresco e fruttato.

 

 

 

Conclusioni 

 

 

Gli Chamapgne Albero Massucco sono definiti  da uno stile elegante, conferito dalla piacevole tensione acida e minerale che  allunga il sorso. La freschezza dona vivacità senza mai arrivare a verticalità esasperate.

 

 

 

 

Di questo Autore