Skip to main content

La Perla di Torino festeggia i suoi 30 anni, in occasione di questo importante anniversario, la firma del cioccolato torinese omaggia le sue origini con un calendario di esperienze nel mondo del cioccolato, una collezione dedicata e un restyling dei suoi primi tartufi.

 

 

La Perla di Torino, nota firma del cioccolato torinese che dal 1992 ha reso famoso il tartufo di cioccolato nel mondo, che produce ben 20 tipi di tartufi compresi i gusti adatti ad intolleranti e vegani, per festeggiare i suoi primi 30 anni lancia una capsule collection. Un vero e proprio omaggio alle proprie origini aprendo le porte del suo laboratorio con un calendario ricco di appuntamenti, per invitare gli appassionati a vivere originali esperienze nel mondo del cioccolato. Un anniversario importante che celebra i traguardi dell’azienda che ha fatto del tartufo la sua punta di diamante, tra proposte tradizionali e varianti creative, grazie a ricette sempre nuove ma in grado di mantenere inalterati gli ingredienti fondamentali: l’eccellenza della materia prima, la maestria delle persone che curano ogni dettaglio e i processi di innovazione e digitalizzazione in ottica di crescita e sostenibilità ambientale.

 

La capsule collection per i 30 anni: i nuovi Tartufi Nero e Bianco creati per omaggiare le proprie origini, due nuovi gusti che rivisitano sia nella forma che nella sostanza le prime creazioni, grazie a una ricettazione aggiornata e un progetto grafico contemporaneo. La Mole, simbolo di Torino e fonte di ispirazione per Sergio Arzilli, rimane l’assoluta protagonista dei nuovi incarti, è riletta in chiave moderna come punto di partenza per continuare a crescere e innovarsi, senza mai tradire le proprie radici. Per conservare il ricordo di questo appuntamento è stata creata anche la latta celebrativa dei 30 anni, una confezione dal sapore vintage ( foto 2 ). Ci racconta Sergio Arzilli: “Festeggiare trent’anni di attività significa guardare indietro a tutta la strada che si è fatta, ripartire dalle origini e celebrare il traguardo raggiunto con un omaggio alla tradizione da cui tutto è cominciato. Per questo abbiamo deciso di prendere i nostri primi due tartufi, La Perla Bianca e La Perla Nera, e riproporli attraverso i nostri occhi di oggi con una ricetta evoluta, che sintetizza al suo interno tutta l’esperienza che abbiamo acquisito in questi anni. Da questo pensiero nasce quindi la capsule collection di Nero e Bianco, due tartufi che esaltano il potere della semplicità: Nero è il tartufo dolce pralinato di cioccolato fondente, Bianco è il tartufo di cioccolato bianco con nocciole del Piemonte.”

 

L’altra grande novità per celebrare i 30 anni di La Perla Torino è stata l’apertura dei laboratorio al pubblico in Lungo Dora Colletta 81 a Torino con due esperienze nel mondo del cioccolato, ideate per far vivere al pubblico un viaggio sensoriale nella creatività e nel gusto e scoprire come nasce un tartufo di cioccolato.

 

Tartufo Day “30 anni”, un appuntamento ideato dal brand torinese e diventato ormai un cult per i buongustai, quest’anno si è svolto all’interno della cornice di Cioccolatò. In questa giornata La Perla di Torino ha celebrato il Tartufo di Cioccolato, la creazione che l’ha resa famosa nel mondo, facendo scoprire ai suoi ospiti i segreti della sua produzione ed accompagnandoli in un’esperienza immersiva durante la quale loro stessi hanno messo le “mani in pasta”. Una bella occasione per trasformarsi in maestri cioccolatieri per un giorno.

 

Ho fatto l’albero! Mercoledì 8 dicembre, giornata che segna l’ingresso ufficiale nella stagione natalizia l’azienda torinese propone per la prima volta un workshop ideato per far vivere un momento magico nel suo laboratorio di cioccolato in occasione delle feste. Durante l’evento gli ospiti potranno liberare la propria creatività e mettersi alla prova nella decorazione di un goloso albero di cioccolato, che porteranno a casa, personalizzandolo con estro e fantasia. Una bella occasione per divertirsi con le persone care e vivere un momento insieme all’insegna della magia del Natale.

 

Di questo Autore