Skip to main content

Deutz tra le prime sei Maison di Champagne più accreditate, ma è sconosciuta ai più, però chi ha avuto il piacere di conoscerla la annovera tra i propri brand preferiti. E non si tratta di una marca recente, anzi possiamo definirla sicuramente “storica” considerato che è stata fondata nel 1838. E’ che il suo stile è molto signorile e pertanto non tende all’ostentazione e se non sbagliamo, non investe in pubblicità. 

Chi conosce Deutz avrà notato che vi è stata negli ultimi decenni una crescita sia qualitativa sia quantitativa, cosa non facile in quanto in genere qualità e quantità sono legate da un rapporto inversamente proporzionale. Deutz è quindi cresciuta in tutti i sensi e ha raggiunto una maturità di stile propria dei grandi Champagne. Il più noto e il Brut Classic, il sans année, che rappresenta circa l’80 per cento dell’intera produzione molto apprezzato per l’elegante immediatezza. Tra i millesimi gode di grande reputazione il Blanc de Blancs, da uve Chardonnay dei comuni di Avis, Le Mesnil-sur-Orger e Villers-Marmery, territori tra i più vocati. L’ultima annata messa in commercio è la 2008. Colore paglierino intenso, bollicine minute e fitte, profumo ampio che comprende aperture floreali, note agrumate, pesca bianca, mela renetta, ricordi di brioche. Il sapore è composto, con piacevole quanto sorprendente freschezza, ma rotondo, con toni di agrume confit, con presenza e persistenza minerale. Da abbinare a tempura misto, risotto al salto, cappelli di porcini impanati, cappesante gratinate, o più semplicemente da degustare senza alcun abbinamento. 

Di questo Autore