Skip to main content

Dal 7 al 9 Ottobre, a Modena e provincia andrà in scena Gusti.a.Mo22, la principale manifestazione enogastronomica dedicata alle specialità del territorio organizzata da Piacere Modena con il patrocinio del Comune di Modena, della Provincia di Modena, del Comune di Fiorano Modenese, del Comune di Carpi, della Regione Emilia Romagna e della Camera di Commercio di Modena, ed il contributo della Fondazione Agroalimentare Modenese.

 

L’ evento dopo le restrizioni dovute alla pandemia, torna con la sua formula tradizionale scandita da attività di degustazioni ed intrattenimento in piazza e di visite nei luoghi di produzione. Un convegno-talk show al Castello di Spezzano a Fiorano Modenese inaugurerà l’attuale l’edizione venerdì 7 ottobre pomeriggio, e avrà per tema “Innovazione e future generazioni gli asset strategici per tramandare la tradizione produttiva del territorio”. Sarà l’occasione per sottolineare l’importanza di portare avanti nel tempo il patrimonio valoriale, culturale e gastronomico per certi versi unico del Modenese. Contestualmente la mission è formare nuove generazioni di consumatori consapevoli, pronti a diventare ambasciatori del della ricchezza agroalimentare del teritorio.

 

“Con i suoi 27 prodotti a denominazione di origine – sottolinea il Presidente di Piacere Modena, Enrico Corsini – la Food Valley Modenese detiene il primato di provincia italiana con il maggior numero di DOP ed IGP registrate, oltre a rappresentare una delle migliori espressioni del Made in Italy in ambito agroalimentare. Un primato che candida Gusti.a.Mo22 a divenire un punto di riferimento anche per il turismo esperienziale, insieme a tutte le realtà produttive che hanno aderito a questo progetto promozionale di grande interesse. Sia per gli operatori stessi, che avranno questa straordinaria opportunità per farsi conoscere meglio, sia per i turisti che potranno vivere da protagonisti il loro viaggio nel nostro territorio. Il focus che in questa occasione intendiamo aprire sul ruolo delle nuove generazioni – aggiunge Corsini – va in direzione di una maggiore inclusività dei giovani nello sviluppo dell’economia locale, non solo dal punto di vista produttivo. In esso infatti, va compresa anche l’attrattività turistica per la quale, con i moderni strumenti di comunicazione con cui hanno particolare abilità, si può fare molto”.

 

Per turisti e modenesi dunque, due giornate intense e all’insegna di degustazioni, visite guidate ed intrattenimento interattivo. Sabato 8 ottobre, in Piazza Roma nel centro di Modena e nel Cortile d’Onore del Castello dei Pio a Carpi, tante attività di gusto a partire dai laboratori per famiglie, degustazioni teatralizzate di prodotti DOP e IGP a cura di Koiné e l’immancabile laboratorio con degustazione finale del Tortellino tradizionale a cura dell’Associazione Maestre Sfogline di Castelfranco Emilia e dell’Associazione La San Nicola, sempre di Castelfranco Emilia.

 

Mentre in Piazza Roma sabato pomeriggio dalle 15.30 due ospiti d’eccezione come i conduttori televisivi e radiofonici Fede e Tinto incontreranno i Consorzi dei prodotti DOP e IGP della provincia di Modena – seguiranno Andrea Barbi e Marco Ligabue che presenteranno “e-risalutami tuo fratello”, musica e racconti emiliano romagnoli in collaborazione con i prodotti DOP e IGP dell’Emilia Romagna – a partire dalle 17 nel Cortile d’Onore del Castello dei Pio a Carpi andrà in scena l’aperitivo show: sua maestà il panino secondo Daniele Reponi.

 

Domenica 9 ottobre, giornata interamente dedicata agli itinerari di gusto, che porteranno i visitatori alla scoperta del territorio e delle sue eccellenze attraverso esperienze nei luoghi di produzione. Presso i quali saranno allestiti eventi pensati ad hoc per la giornata di Gusti.a.Mo22, consultabili presto online qui  e qui, dove sarà altresì possibile effettuare la prenotazione, necessaria per partecipare alle attività in azienda.

Di questo Autore