Skip to main content

Nicolas Feuillatte è un brand di Champagne nato nel 1976 e da allora diventato il più venduto in Francia e il terzo nel mondo con più di 10 milioni di bottiglie vendute Le uve sono acquistate da 4500 produttori delle zone più vocate, provenienti da 13 Grand Cru su 17, 33 Premier Cru su 44 e 259 Champagne Crus su 320.

La collezione di Champagne Nicolas Feuillatte comprende 18 etichette, cinque delle quali sono state presentate nel corso del dîner enchanté presso il ristorante Sadler, due stelle Michelin.

Lo chef ha creato per l’occasione piatti ad hoc allestendo una cena con menu che comprendeva cinque portate oltre agli appetizer servito in cucina con l’aperitivo.

Il primo Champagne servito, il Brut Réserve Feuillatte (foto 1) magnum, in accompagnamento all’aperitivo che comprendeva tra gli altri, ostriche, astice, seppia cruda su caponatina e via elencando, sia alla prima portata del menu, Carpaccio di astice e ostriche, vinaigrette di passion fruit, yogurt, avocado e pop corn di amaranto (foto 2). Affina tre anni prima di essere commercializzato, è prodotto con uve pinot noir, pinot meunier e chardonnay. E’ uno Champagne fruttato, con ricordi di pesca bianca, mela golden e curcuma, di sapore pieno e fresco. L’insalata riccia con frittata di zucchine, salmone leggermente affumicato, caviale rosso e crema di formaggio fresco è stata abbinata al Brut Resérve e ad altre due referenze ossia il Grand Cru Pinot Noir Millesimato 2006  Feuillatte (foto 3) e il Grand Cru Chardonnay Millesimato 2006 Feuillatte entrambi affinati sei anni. Il primo è uno Champagne blanc de noirs, ossia ottenuto unicamente con uve pinot noir raccolte nei Grand Cru della Champagne: paglierino dorato possiede sentori di piccoli frutti, frutta secca ed è piacevolmente agrumato; di buona struttura, non rinuncia alla freschezza. Il Gran Cru Chardonnay (foto 4) da uve chardonnay in purezza, nonostante il notevole affinamento, è un vino che ha saputo conservare freschezza ed è agile e reattivo. Profuma di fiori gialli e note di fiori bianchi, di pane appena sfornato e buccia d’arancia. Piace l’equilibrio potenza e acidità. Entrambi gli Champagne sono stati abbinati a più piatti, ossia al Risotto all’acqua di funghi porcini con polvre di funghi trombetta e al San Pietro in casseruola con cime di rapa, crema di burrata ed alici de Cantabrico.

Il Cuvée 225 Millesimato 2005 Feuillatte (foto 5), prodotto con le uve pinot e chardonnay Premier Cru e Grand Cru, affina in barrique di rovere di quarto passaggio; 225 sta a indicare la capacità delle botti in cui matura. Ha profumo ampio in cui si colgono sentori di mela golden, di albicocca, e lievi note boisé. Degustandolo si avvertono la struttura e al tempo stesso la freschezza, oltre al gusto pulito.

Cuvée 225 è stato proposto abbinato alla Costoletta di agnello farcita di foie gras e tartufo, in crosta di mandorle ed erbe (foto 6 ).

Infine Palmes d’Or Brut 1999 Feuillatte (foto 7 ) prodotto con uve Chardonnay di Chouilly, Cramant, Oger, Le Mesnil-sur-Oger, Avize e Montgueux e di altrettante uve di Pinot Nero delle zone di Bouzy, Verzy, Ay e Ambonnay, invecchia nove anni prima di essere commercializzato. Esuberante, riproduce sentori di fiori bianchi, gialli, di ribes nero, di lampone oltre a ricordi speziati. Buona mineralità e persistenza. Calice abbinato alle Pere con crema di zafferano e mandorle, crumble di noci (foto 8 ) e anche da gustare senza accompagnamento.

 

 

Di questo Autore